"L’importante è sapere in che stato d’animo arrivi, non dove arrivi."
- Seneca -

22 aprile Santa Maria del Mar (CUBA)

Dopo interminabili file e controlli, finalmente mettiamo piede fuori l'aeroporto... Ecco Cuba!

Proprio come l'avevamo letta, l'avevamo vista nei documentari o sentita raccontare dalle persone che c'erano state e l'avevano conosciuta!

Macchine anni '50 stile John F. Kennedy, Cadillac, enormi e vissute. Belle ragazze mulatte ovunque dagli immancabili sorrisi stampati in viso!

Durante il trasferimento dall'aeroporto al nostro hotel, cominciamo a gustare questo paradiso, i lavoratori che aspettano incerti e vetusti autobus che non passano mai, auto di un altro tempo ai margini delle strade (perennemente in panne)...

Santa Maria del Mar è un unico grande stradone, nemmeno illuminato e che mi ricordava tanto Phan Thiet, Vietnam.

Camminiamo e camminiamo finchè incontriamo un ragazzo: "Amigo, donde esta una discoteca?" E lui, con fare convinto, ci dice di aspettare e si presenta con due ragazzine di 14 anni! Noi lo guardiamo un pò sorpresi-sconcertati-disgustati e andiamo via... Ma per chi ci aveva preso?

Conosciamo un gruppetto di ragazze e trascorriamo un pò di tempo a scherzare e ridere con loro vicini al nostro hotel.

Ci spiegano che è vietato, per le Cubane, farsi vedere coi turisti, rischiano, addirittura, l'arresto immediato! "Fidel non vuole!"

Che strano vedere lungo le strade cartelloni immensi inneggianti la rivoluzione, Che Guevara o contro Bush.

 

La moneta locale è il "peso convertibile cubano" e il "peso cubano"; il primo è usato solo dai turisti... il secondo dai locali e vale circa 1/24 del primo...

Parlando con uno dei vigilantes dell'hotel ci ha confessato che il loro è uno dei mestieri più retribuiti: 20$ al mese...

"Cuba terra magica, Cuba terra caliente, amata e odiata, luogo di coraggio e utopia...
Forte di colori e coccolata dal sorriso della tua gente... Annichilita dalla follia umana sei sempre uscita a testa alta.
Cuba terra magica, Cuba terra caliente, dove la natura è ancora padrona, dove la quiete è regina...
Dove il mito è leggenda, dove il sentimento prevale sulla ragione...
Bella e misteriosa, verde e rigogliosa.
Cuba terra magica, Cuba terra caliente, carica di controversie...
Meravigliosa ammaliatrice spero di rivederti un giorno, spero di rivivere la tua essenza, spero di respirarti ancora...
spero di sentirmi ancora libero."

- Anonimo -

23 aprile Santa Maria del Mar (CUBA)

Sveglia all'alba (grazie al jet lag!) e via al mare tutto il giorno! Carlo salta, si rotola sulla sabbia, corre ovunque, sembra un cane appena liberato!

Questa è la spiaggia dei cubani, noi "turisti" siamo mosche "bianche" in tutti i sensi! Poi oggi è anche domenica e: "Non se trabaja...!" son tutti qui!

[Charlie]: ..."e pensare che le cubane vengono in Italia... Ma che venite a fare? Qui c'è il paradiso terrestre, le persone hanno il sorriso stampato sulle labbra! Anche se non hanno la tecnologia che ci ha "attaccato" e "abbattuti", macchine di grossa cilindrata, abiti di lusso ecc. vivono di lusso! Amo tutto di questi posti: il sole, il mare, i sorrisi, la frutta, la natura, le giornate interminabili, la musica, il ballo, le donne, la satira, il rum, la fraternità, il modo di affrontare i problemi... sempre con il sorriso... e sono i poveri! Noi siamo i poveri".

La sera decidiamo di andare a ballare ma alle 18.30 ci stendiamo un pò sul letto per un riposino, in fondo non dormiamo da giorni... peccato che ci svegliamo dopo 12 ore...

 

"Le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei fiumi, delle stelle... e passano accanto a se stesse senza meravigliarsi."
- S. Agostino -

24 aprile L'Avana (CUBA)

Mi suona ancora strano dire: "Ho fatto un giretto all'Avana!"

Che spettacolo quei vicoletti così pieni di gente, quei suoni, quegli odori, le case coloniali testimoni di un passato splendore, i manifesti del regime di Fidel, che ricordano, come un "lavaggio del cervello" che bisogna sempre supportare il socialismo e le sue idee!

Poi però, vedi il degrado e le scarse condizioni igienico-sanitarie e di vita in generale e ti domandi: "Ma questo socialismo o comunismo o come lo definisci tu è davvero a favore del popolo?" Non sai darti una risposta o forse, in cuor tuo, lo sai ma lo vuoi sentire detto da loro, da chi lo vive veramente e chiedi al tassista, al barista, al parcheggiatore: "Ma insomma, com'è il governo di Fidel?" E loro, con un'espressione mista tra il diffidente e il diplomatico ti rispondono all'unisono: "Non so, non conosco altro!" E io mi domando, come si sentirà quel tassista il cui guadagno mensile varia tra i 15 e 18 euro a prendere i nostri 15 euro per una sola corsa dal centro all'hotel? Visto che tutto ciò che guadagna andrà al "Gobierno".

E ieri al bar, stanco dei continui pensieri rivoluzionari di Charlie, l'ho fatto chiacchierare con il nostro barman... parlando della loro triste situazione (guadagna 10 euro al mese), si stava quasi mettendo a piangere e Charlie non ha aperto più bocca, nè l'ho sentito più borbottare o mormorare polemicamente come ultimamente fa spesso.

Il "comunismo" è un'ottima "filosofia di vita", principi importanti e aulici ma assolutamente non applicabili... penso proprio che che alla morte di Fidel tutto cambierà, ci sarà un governo filo-occidentale e quindi filo-americano che abolirà pure l'embargo e magari quest'isola rifiorirà di nuovo... il sorriso di sicuro non glielo spegnerà nessuno mai!

Nel nostro tour abbiam visitato la "Plaza de la Revolucion" dove fu pure celebrata la santa messa del Papa e che può contenere fino ad un milione di persone. Un immenso Che Guevara che ricorda: "Hasta la victoria siempre!"

In serata andiamo in una discoteca: "La casa de la musica". Lì mi son vergognato di essere italiano. Non ho mai visto tanti 60enni e oltre, italiani eccitati e senza dignità tutti insieme! Li vedevi che gironzolavano in mezzo a ragazzine che avranno avuto l'età delle loro figlie che li aspettavano in Italia...

Carlo e Jeff appena entrati si fermano a chiacchierare con due ragazze molto carine e quando chiariscono: "Noi non paghiamo...!" Non lo finiscono nemmeno di dire che le ragazze erano già andate via in cerca di altri... "polli"!

[Charlie]: "Son seduto sul terrazzo con un buon bicchiere di rum e un sigaro (sembro Che Guevara); ogni giorno respiro, parlo con persone del posto, osservo e penso tante cose, forse troppe! Stasera, ad esempio, son stato male! Che tristezza quella discoteca! Ragazze molto belle, fusioni di razze impressionanti! Peccato che c'erano quegli infami che con un pò di spiccioli facevano i play-boy! Che pena! Mi sembra la schiavitù moderna".

25 aprile Santa Maria del Mar (CUBA)

In serata andiamo in un ristorantino molto caratteristico con due p.r. della "Casa de la Musica"! Quanto abbiamo pagato! Ma qui davvero tutto ruota attorno ai soldi? Turista = $

Dopo cena, lasciati i due fenomeni, facciamo un salto in un locale stupendo: il "Gato Tuerto"! Cantava una famosa cantante cubana, 65enne, bravissima! Con una voce molto melodiosa, intonava successi spagnoli classici, una vera show-woman, coinvolgeva il pubblico in una maniera unica, ci ha fatto assaggiare un altro pezzetto di Cuba.

"Sono un viaggiatore e un navigatore e ogni giorno scopro qualche nuova regione dentro la mia anima."

- Gibran Kalhil - (Il profeta)

 

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

(1) - (2)