Abbiamo deciso di prendere solo volo ed albergo, anche se quest'ultimo, visti i programmi fatti lo sfrutteremo ben poco...

Formazione d'attacco: Charlie e Nick, oltre che me (naturalmente!)

"I messicani discendono dai Maya, i peruviani dagli Inca e gli argentini dalle navi!"

 

01 maggio Playa del Carmen (MESSICO)

Dopo un volo di 12 ore eccoci già operativi in un van che ci porta in albergo.

Il trasferimento Cancun - Playa del Carmen dura un'oretta e come sempre rimango affascinato dal primo timido contatto con la nuova nazione!

Questa volta l'ingresso in hotel è stato un pò diverso, non c'era la schiera di camerieri con cocktails multicolori ad attenderci ma un sonnacchioso "Pedro" che tranquillamente ci fa riempire un piccolo modulo di registrazione...

 

02 maggio Playa del Carmen (MESSICO)

Dopo una breve dormita a causa del jet lag, siamo subito in giro per organizzare le prime tappe del nostro viaggio.

Innanzitutto bisogna cambiare i soldi... Ancora non riesco a capacitarmi di come l'abile ragazza del bureau de change tenta di fregarci 100 euro e se non fosse stato per l'attento Nick ci sarebbe pure riuscita! Quindi: occhio! Pranzetto tipico in un ottimo ristorantino per strada: "Los Portales" con tanto di atmosfera inclusa nel prezzo! Un bel piatto di pollo "asado", riso e fagioli neri piccanti!

Partiremo stanotte per Merida a mezzanotte con un bus della compagnia ADO, ci attendono 5 ore di tragitto.

"Non dovremmo negare che l'essere nomadi ci ha sempre riempiti di gioia. Nella nostra mente viene associato alla fuga da storia, oppressione, legge e noiose coercizioni alla libertà assoluta."
- Wallace Stegner - (The American West as living space)

03 maggio Merida (MESSICO)

Merida, capitale dello Yucatan.

Giunti a destinazione, armati della nostra ormai inseparabile "Routard" comincia la "ricerca dell'alberghetto perduto"! Girovaghiamo come tre zombies per le strade solitarie di una Merida che alle 5 di mattina sta per svegliarsi. Grazie alla nostra guida troviamo un posto economico per dormire: Hotel Margarita che con poco più di 5 euro a persona a notte diventa la nostra base per i prossimi 3 giorni! E' un edificio coloniale di vecchia data che ricorda antichi splendori ma abbastanza accogliente, certo che alle 5.30 di mattina, con un receptionist ancora dormiente e con tutte le luci spente, tranne quelle che illuminavano una grande Madonna e un albero di Natale (a maggio!), e un ingresso formato da una grande porta tetra con le sbarre (tipo quelle di una prigione) come nel più classico dei films horror non lasciava molto da sperare! Sembrava l'inizio del film "Hostel", ma l'apparenza, fortunatamente, ingannava!

Colazione in centro, nello Zocalo! In quel bar, con una bella macedonia di frutta fresca, la grande bandiera messicana che sventolava lì di fronte a noi e la gente che ci passava davanti... che sensazioni!

Alle 9.30 abbiamo approfittato del tour gratuito del centro storico, ma dopo una mezz'oretta, un pò annoiati, abbiamo fatto un salto in taxi a visitare il cimitero, famoso per le tombe colorate dove ogni colore corrispondeva al tipo di morte diversa...

Ma la nostra giornata è ancora lunga. Acquistiamo 2 tour per i due siti più importanti.

Prima tappa: Uxmal! Sinceramente, un pò come successe ad El Cairo ai piedi delle Piramidi, anche qui non son rimasto incantato come quando vidi per la prima volta Stonehenge... Le due grandi piramidi di Uxmal, tuttavia, e tutti i vari monumenti che fanno da contorno e soprattutto i vari misteri che aleggiano nell'aria son stati molto interessanti, questo grazie anche al fatto che eravamo gli unici visitatori del sito! Osservavamo tutti i grandi spazi che ci circondavano, magari, cercando di immaginare ciò che centinaia e centinaia di anni fa i Maya potevano ammirare da lì.

Uxmal: mai viste così tante iguane in vita mia, erano ovunque, "cazzeggiavano", s'arrampicavano, mangiavano incuranti della presenza di questi strani esseri bipedi armati di video-fotocamera! Com'è strano il mondo!

Al ritorno in albergo chiedo al solito receptionist dormiglione di svegliarci alle 8.00 perchè avevamo il bus per Chichen Itza, ci ha svegliati?

04 maggio Chichen Itza (MESSICO)

Chichen Itza è il sito più importante tanto che è stato candidato ad essere una delle 7 meraviglie del mondo moderno!

La nostra guida ci ha spiegato tante cose molto interessanti di questo magnifico popolo. Addirittura anche loro hanno, giustamente, la versione dell'inizio dell'umanità...

"C'era una volta il dio del grano che comandava tra gli dei. Questi ultimi un bel giorno stanchi delle sue angherie lo costringono a fare una gara o battaglia (non ho ben capito), il vincitore avrebbe comandato. Il dio dei "pop-corn" perde, gli tagliano la testa e la espongono in pubblico per far capire chi comandava davvero... A un certo punto, una bella ragazza capita da quelle parti, lui riesce a farla avvicinare e dalla sua bocca sputa un chicco di grano, non ho capito bene come fa ma con quel chicco la feconda così che darà alla luce il primo essere umano!"

Dopo questa storiella un pò alla Luciano de Crescenzo ammiriamo le varie rovine con un caldo torrido: 41° tanto che a volte facevo fatica a seguire ciò che diceva la guida!

Dopo un lauto pranzo ripartiamo alla volta di Merida e appena scesi dal van mi colpisce una di quelle porte che si usavano nei saloon del Far West; entriamo ed eccoci proiettati in una caratteristica taverna mexicana! Mancava solo Zorro e Pancho Villa! Beviamo qualcosa al bancone mentre chiacchieravamo con la gente che incuriosita si avvicinava a vedere chi erano questi tre Gringos!

Poi in giro tra i vicoli, le calles e il centro, il cosiddetto "Zocalo" fino a tarda sera. Stupendo girare in mezzo a un mare di messicani senza incontrare turisti. Ero proprio felice in quei momenti e lo son stato ancora di più quando poco fa, lasciato mio fratello che si divertiva in discoteca, me ne son tornato da solo in albergo, tra quei vicoli, con una bottiglietta di yogurt in mano, mi sentivo a casa...

 

 

05 maggio Merida (MESSICO)

Stamattina ci hanno svegliati! Ma sorpresa! C'è un letto vuoto! Quello di Carlo! L'avevo visto ballare in discoteca con una ragazza ma poi era sparito! Salta l'escursione a Cuzama!

Nonostante tutto decidiamo di aspettare. Verso le 8 andiamo a fare colazione in centro, nella Plaza Mayor, ed è lì che lo vedo rientrare in albergo passeggiando placidamente! Lo chiamo e come se niente fosse successo si siede e, ordinata la colazione pure per lui, chiacchiera tranquillamente!

Nota positiva: assistiamo all'alzabandiera solenne nella piazza principale, molto pittoresco! Alla fine riusciamo a cambiare il biglietto del ritorno e in serata rieccoci a Playa del Carmen! Riincontriamo 4 simpatiche ragazze messicane e con loro, dopo una lunga passeggiata lungo la Quinta Avenida (la strada principale di Playa) tutti in pista al "Blue Parrott" a ballare fino a notte inoltrata, Nick ubriaco ha fatto dei veri shows!

Decidiamo di riposarci un giorno prima della prossima tappa!

Alle 4.30 in camera pensavo che 24 ore di vacanza ci volevano proprio!

06 maggio Playa del Carmen (MESSICO)

Finalmente una bella dormita e giù in spiaggia a prendere un pò di sole!

[Nick]: "Domani si parte per Chetumal... so che sarà stancante ma non vedo l'ora di intraprendere l'esperienza beliziana! Per quanto mi riguarda ho piena fiducia in Mark e nella sua esperienza di traveller... questa parte del viaggio è sua.. lui l'ha "studiata"... E' gratificante vedere dei compagni di viaggio che ti assecondano e ti seguono nei progetti schedulati, mi riferisco alla prima parte del viaggio ("studiata" da me), Mark e Carlo spesso si sono affidati e fidati dei miei "studi"! Grazie ragazzi! "

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

1 - 2 - 3