Panama


"Ambivo non soltanto ad andare più lontano di quanto ogni altro uomo fosse ancora andato, ma tanto lontano quanto fosse possibile andare."

- James Cook -

08 gennaio Farallon (PANAMA)

Dopo Cracovia, Capo Verde e Marsa Alam, anche a Panama ho beccato la febbre!

Stamattina stavo malissimo! Ma nel pomeriggio, imbottito di medicinali, insieme a Monica, Carlo e Jeff noleggiamo le bici e facciamo tutto il giro di Farallon! Che divertimento!

Serata a lume di candela con tutti gli amici e poi tutti in disco, uniti a tre colombiane super casinare ci buttiamo nel karaoke spagnolo!

Microfono in mano e strumenti musicali di ogni genere nell'altra a cantare a squarciagola in spagnolo canzoni mai sentite!

 

"Per quanto viaggiamo in tutto il mondo per trovare ciò che è bello, dobbiamo portarlo con noi oppure non lo troveremo.”

- Ralph Waldo Emerson -

 

09 gennaio Panama City (PANAMA)

Finalmente siamo andati a visitare la capitale: Panama City!

Prima tappa: il celeberrimo Canale! Questo capolavoro di ingegneria, definito l'ottava meraviglia del mondo, sinceramente non mi ha entusiasmato più di tanto! E' molto interessante vedere come avviene l'attraversamento da parte delle navi, reso più difficile dal fatto che i livelli dei due oceani non sono uguali, allora, create varie chiuse, con vari passaggi s'innalza o abbassa il livello dell'acqua in base alla rotta della nave per permetterle il passaggio!

Il procedimento è più o meno il seguente: 1) la nave giunge nella prima chiusa e attraverso dei grandi fori, tipo vasca da bagno, si riempie; 2) stesso procedimento, il livello si alza ancora di più; 3) di nuovo continua l'innalzamento e a questo punto il livello dell'acqua è uguale al successivo, ora la nave è libera di procedere via. Questa operazione dura dalle 8 alle 10 ore!

Dopo aver visitato il museo del Canale procediamo alla volta di Panama Vieja! La città vecchia!

Mi ricordava un pò l'Avana per il tipo di costruzioni e un pò Santo Domingo per la trascuratezza e sporcizia! Ed io che speravo di trovare tracce di Cristoforo Colombo o del Pirata Morgan...

Panama City ci ha accolto molto silenziosamente.

Purtroppo oggi è stato l'anniversario di una festa nazionale e tutti i negozi erano chiusi! Ed io che mi aspettavo di girovagare su grandi stradoni super affollati ai piedi di maestosi grattacieli, di nuovo rimango deluso...

I grattacieli, stile Miami, li abbiam visti solo dalla macchina, il resto del pomeriggio l'abbiamo trascorso in un grandissimo centro commerciale, stile grande Mall Americano, a fare un pò di shopping.

10 gennaio Rio Hato (PANAMA)

Col solito van locale, oggi, siamo andati a visitare Rio Hato; città di Manuel, il barman gay del nostro villaggio.

E' stato proprio lui il nostro Cicerone. Che situazione strana! Tre occidentali, turisti, che passeggiano in un paesino sconosciuto con uno gay molto effemminato! (non fraintendete, non ho nulla contro gli omosessuali, però la situazione era molto comica!) Attiravamo l'attenzione di tutti! Ma il colmo s'è toccato quando Jeff, innocentemente, entra in farmacia per acquistare un pacchetto di preservativi accompagnato da Manuel...

Rio Hato è una cittadina microscopica! C'è un piccolo spiazzo con un supermarket, un internet point, una lavanderia e un negozietto di abiti di seconda mano!

Addirittura quando ho chiesto all'autista dell'autobus di lasciarci nel centro del paese s'è quasi messo a ridere...

Dopo una bibita fresca sorseggiata, in una specie di fast food, con la calma centro-americana proseguiamo il nostro cammino, destinazione: Antòn!

In quest'altro paesino veniamo subito colpiti dai tanti festoni e preparativi in atto, infatti dal 12 al 14 gennaio ci sarà un'importante festa cittadina! Peccato che cominci quando noi ritorniamo in Italia!

Ci infiliamo in un mercatino della frutta e due ragazze ci sorridono! Che simpatiche! Aiutano il padre a vendere frutta! Ci spiegano che qui, se non hai 18 anni, non puoi entrare in discoteca e molte cose ti sono proibite; una delle due quest'anno sarebbe, finalmente, diventata maggiorenne e di conseguenza fatto il suo ingresso nella "società dei grandi" e quando abbiamo chiesto alla sorellina minore che cosa avrebbe fatto quando la più grande sarebbe andata a ballare, lei ci risponde candidamente e timidamente: "Ballerò anche io... a casa con lo stereo!"

Continuiamo a gironzolare per Antòn finchè giungiamo in una grande sala da biliardo, di quelle caraibiche... non resistiamo, una partita ci vuole proprio!

11 gennaio Farallon (PANAMA)

Dopo un bel bagno rilassante, abbiam fatto una partita a beach volley; noi tre italiani contro una colombiana, un danese e un canadese!

Già un pò di nostalgia ci assale...


"Quando i miei piedi si riposano, smette di funzionare anche il mio cervello." - J. G. Hamann -

12 gennaio Panama City (PANAMA)

Tutto ha un inizio e tutto ha una fine, poi quando una cosa è stata bella, la fine, anche se prevista, arriva sempre inaspettatamente e dolorosamente...

[Charlie]: "...non scrivevo sul "libro del viaggiatore" un pò per pigrizia, un pò perchè volevo che non finissero mai quei giorni felici... chi lo sa... il trio alimentato ad energia solare colpisce sempre..."

Gracias Panama

 

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

(1) - (2)