"Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa e la mia vita è la più sorprendente avventura".
- Amin Maaluf -

08 dicembre Bangkok (THAILANDIA)

76° giorno di viaggio

Finalmente nella “città degli angeli”!

Siamo a Bangkok!
L’India è terminata e ce ne accorgiamo in ogni istante.
Ogni piccolo particolare ci fa capire che la Thailandia è un mondo a parte rispetto a quello vissuto negli ultimi due mesi e mezzo.

Ci meravigliamo di trovare la carte igienica in bagno, di vedere ordine e regole ovunque, persino di bere un po’ di latte in una bottiglia pulita, di osservare il traffico stradale seguire un codice.

 

“Viaggiare! Perdere paesi! Essere altro costantemente perché l’anima non abbia radici!… Andare avanti, inseguire l’assenza di avere un fine e dell’ansia di raggiungerlo”.
- Fernando Pessoa -

09 dicembre Bangkok (THAILANDIA)

Di buon mattino ci ritroviamo in fila lungo il muro grigio dell’ambasciata della Repubblica dell’Unione del Myanmar.
Una lunga attesa intervallata da una noiosa serie di pratiche burocratiche… ma necessarie…

Raggiungiamo in barca il “Wat Phra Kaeo” lungo il Chao Phraya, un luogo incantato!
Una serie di edifici, templi, pagode, statue insaporita da un’atmosfera così pacifica e serena.
Il “Grand Palace”, ex residenza del re, è chiuso perché è il giorno del compleanno del sovrano, un re così amato e venerato dal suo popolo… mi ha colpito molto un episodio in cui Stefy, indicando un busto, chiedeva ad una guardia: - “E’ il Re quello?” e lui, orgoglioso: -“No, è il MIO RE”.

Da lì raggiungiamo il Wat Po, un gruppo di monaci buddisti si sta preparando per una festa religiosa che si terrà l’indomani. Ci fermiamo a chiacchierare un po’ con loro. Sono dolci e curiosi.

Al tramonto raggiungiamo il Wat Tramit ed una  Chinatown in fermento, ovunque baracchini che arrostiscono di tutto o che preparano zuppe di frattaglie, chi macedonie di frutta, chi noodles… ovunque si cucina e si mangia…

 

10 dicembre Yangoon (MYANMAR) 78° giorno di viaggio

Sdraiati comodamente su degli enormi divani attendiamo il nostro Airbus 320 dell’Air Asia, nell’aeroporto  internazionale di Bangkok pronti a raggiungere l’ex capitale birmana!

Da lontano, come Ulisse con le sirene, veniamo attirati dalla grande pagoda d’oro dello Shwedagon, eccoci aggirarci per questo piccolo villaggio religioso formato solo da templi, tanti luoghi di preghiera dove fedeli pellegrini provenienti da tutto il Paese pregavano ed affidavano le proprie speranze e desideri ai mille Buddha presenti un po’ dappertutto.

Proprio dei ragazzi locali ci consigliano di visitare, in un tempio non lontano, la “statua del Buddha disteso”...
Mezz’ora dopo, con lo sguardo rivolto verso l’alto e la bocca aperta ammiriamo quest’immensa opera d’arte. Dobbiamo addirittura arrampicarci su un piedistallo per avere una visuale completa della scultura.

Conosciamo un vecchietto che ci invita a visitare l’area abitata dai monaci buddisti… un luogo fuori dal tempo…

12 dicembre Yangoon (MYANMAR)

Siamo pronti a lasciare la vecchia capitale, andiamo a rilassarci un pochino sulle sponde del lago Inle in compagnia di un simpatico malese-cinese di nome Yee.

Attraversiamo piccoli villaggetti con rare case, qualche pagoda sbuca qui e lì di tanto in tanto, il resto è formato da infiniti campi di riso che incorniciano il paesaggio circostante.

13 dicembre Nyaung Shwe (MYANMAR)

81° giorno di viaggio

Fuori è buio pesto quando l’autista mi scuote avvisandoci che siamo arrivati alla Junction per il Lago Inle. Sono le 5.10 del mattino e siamo ad una dozzina di km dalla nostra meta. Scendiamo in sette dal bus (noi tre, un sardo che vive a Londra, due tedesche ed un francese); saliamo sull’unico pick up disponibile e proseguiamo per Nyaung Shwe, un piccolo villaggio vicino al lago.

Alloggiamo al “Gipsy Inn” e dal balcone della nostra umile stanza mi incanto ad osservare lo svolgersi della loro vita quotidiana. Sembra un film!

Manco il tempo di lasciare i nostri zaini in camera che sfrecciamo su una delle veloci barche locali lungo i canali che confluiscono nel lago.

È domenica oggi! È giornata di mercato… Ogni mondo è paese. Chi vive in montagna scende al lago per vendere la propria merce.
Ci incantiamo ad ammirare ogni singola bancarella, ci fermiamo a chiacchierare con chiunque si avvicini a noi, curiosiamo ovunque e capita spesso di scorgere cose “strane” e ci innamoriamo della semplicità della gente!

A bordo della nostra lancia raggiungiamo finalmente il lago Inle e da lì ci infiliamo in una lunga serie di canali notando che anche in un posto così impervio la vita quotidiana scorreva tranquillamente. Tutto vive sulle palafitte, persino il porcile!

Visitiamo “fabbrichette” di seta di loto, di ombrelli, di souvenirs di ogni genere e forma.
Impressionante l’incontro con le “donne giraffa”, una minoranza etnica; sarà per tradizione o per usi locali o per qualunque altro motivo ma lascia molto da pensare che nel 2011 esistano ancora dei “costumi” così crudeli.

Proseguiamo visitando una grande pagoda buddista, poi un monastero ed infine ci perdiamo nelle stradine di uno dei tanti villaggi.
Abbiamo la faccia tosta di entrare in varie case ed in ognuna di esse l’accoglienza è sempre molto calorosa! Ti colpiva il cuore quando vedevi quelle umili persone che non avevano nulla di materiale offrirti un mandarino, una sigaretta o un the.

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

(1) - (2) - (3)