15 febbraio Singapore (SINGAPORE)

145° giorno di viaggio

Dopo tre ore e venti minuti di volo, atterriamo, tra i grattacieli, in una stupefacente baia piena di navi: siamo nella bella Singapore!

Non so perché ma son sempre stato affascinato da questa piccola città-stato.

Per la prima volta in aeroporto non siamo soli! Ad attenderci c’è il nostro contatto locale, la meravigliosa: Dazzle!

Sin dal primo momento si dimostra essere una persona speciale! Ci offre ospitalità, ci porta in giro, ci presenta i suoi amici e finiamo a mangiare nel famoso “Lai Huat Seafood Restaurant”, tutto a base di pesce; ottimo soprattutto il suo cavallo di battaglia: il “mee goreng”, una sorta di spaghetti di soia ai frutti di mare!

Presto raggiungiamo, in compagnia dell’australiano Geordie, un grande Mall per assaggiare tanti tipi di milkshakes differenti… Chiacchieriamo a lungo e ci facciamo un sacco di risate…
È ora di ritornare a casa e in 40 secondi di ascensore raggiungiamo il 30° piano di questo maestoso palazzo per ammirare lo spettacolo di Singapore by night.

guarda il video

16 febbraio Singapore (SINGAPORE)

Orchard Road, la via dello shopping e delle grandi firme nonché dei centri commerciali. È incredibile quando ti soffermi a studiare la mappa della città e la vedi costellata di puntini rossi ciascuno indicante un centro commerciale diverso! Sono ovunque, svettano alti nel cielo e si tuffano in profondità per collegarsi con quelli circostanti come una serie di radici e tunnel!

A Singapore esiste una vera e propria “vita parallela”, quella “sotterranea”!
Sottoterra ti muovi da un punto all’altro della città con veloci ed ultramoderni treni; sottoterra passeggi con i tuoi amici perdendo la cognizione del tempo; sottoterra fai colazione, pranzi, ceni o consumi uno snack; vai sottoterra se vuoi andare al cinema o devi pagare una bolletta alla posta, o se cerchi un parrucchiere o se devi fare la spesa; non importa se fuori ci sono 40°: sottoterra si sta freschissimi; non importa se fuori diluvia o nevica: sottoterra stai al calduccio… questa cosa è spaventosa!

17 febbraio Singapore (SINGAPORE)

[Stefania]: “Un gigantesco dragone ci apre le porte di Chinatown. Gironzoliamo per le viuzze ancora addobbate per il capodanno cinese appena trascorso.

Lungo la strada verso l’Asia Civilization Museum ci incantiamo ad ammirare i grattacieli attorno a noi. Trascorriamo tutta la giornata alla scoperta di questa città così particolare fino ad incontrare, nel tardo pomeriggio, i nostri amici Dazzle e Geordie per un drink sul punto più alto di Singapore!”

18 febbraio Singapore (SINGAPORE)

[Stefania]: “Oggi ci dedichiamo all’Arabic Street con la bella Sultan Mosque e i suoi mercatini di stoffe e tappeti  per poi finire a Little India...

Che ricordi… le donne vestite con coloratissimi sari e ghirlande profumate tra i capelli; per le vie: musica ad alto volume di qualche film Bollywoodiano, odori forti di spezie, ristorantini con piatti a noi ormai così familiari. In un supermarket Mark ha stretto un dialogo con dei ragazzi sikh del Punjab dopo che uno di loro aveva notato il suo bracciale sikh! Non potevamo non fermarci a bere un chai per strada accompagnato da un po’ di pane naan prima di raggiungere lo “Shri Lakshminara Yan” . Che emozione varcare quell’ingresso in pietra ed essere avvolti dal profumo dell’incenso e dei fiori, dai riti delle donne che pregavano Ganesh o Vishnu.

È ora di tornare a casa per preparare gli zaini, domattina si riparte!”

19 febbraio Kuala Lumpur (MALAYSIA)

149° giorno di viaggio

Khizanif, il nostro contatto locale che ci ospita nella capitale malese, abita poco fuori Kuala Lumpur, su una collina che dà proprio sullo skyline della città.

Ora siamo seduti in veranda e lo spettacolo da cui godiamo da qui ci lascia letteralmente a bocca aperta.
L’intera città by night illuminata e con al centro le celeberrime “Twin Towers” o “Petronas Towers”divenute il simbolo del progresso della nazione.

20 febbraio Kuala Lumpur (MALAYSIA)

Proprio dalle Petronas Towers comincia la nostra giornata odierna.
All’uscita dalla metropolitana veniamo colti da un improvviso acquazzone e troviamo riparo per caso in una meravigliosa pagoda cinese…
Poco dopo siamo già in giro… decidiamo di visitare il tempio sikh “Tatt Khalsa”, il più grande tempio sikh del sud est asiatico che raccoglie circa 75.000 fedeli e che offre cibo gratuito quotidianamente a chiunque passi di qui.
Dopo il viaggio in India ammetto che sono rimasto fortemente intricato da questa cultura o religione o filosofia, chiamatela come volete, questi personaggi dalla lunga barba, dal capo sempre coperto e dal cuore grande che seguono gli insegnamenti del libro sacro del  “Sri Guru Granth Sahib Ji”.

Il National Museum è stato un po’ deludente; la Malesia ha una grande e lunga storia che va dai ritrovamenti del periodo preistorico a quello dei conquistatori portoghesi, olandesi e britannici fino all’evoluzione tecnologica contemporanea, peccato che non sia ben rappresentata!

21 febbraio Kuala Lumpur (MALAYSIA)

Ci svegliamo molto pigramente oggi… Il gentile Khizanif ci propone un giro di KL by car a mò di giapponesi! Ci fermiamo, scattiamo qualche foto e ripartiamo per la destinazione successiva!
Visitiamo così l’imponente “Batu Caves”, un tempio hindu scavato nella roccia e che si raggiunge solo dopo aver scalato un’intera collina; il palazzo reale e scopriamo che in Malesia esistono 9 famiglie reali, a seconda delle varie regioni, e regnano a rotazione quinquennale; la colorata piazza dell’indipendenza fino al club dei suoi soci MCOBA (Malaysia College Old  Boys Association) dove trascorriamo qualche ora chiacchierando con tanti suoi amici di ogni età!

Zaino in spalla...si riparte alla volta del Borneo!

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

(1) - (2) - (3)