14 giugno Istanbul (TURCHIA)

[Stefy]: “Finalmente Istanbul! Alloggiamo all’Orient Hostel, a due passi dalla Moschea Blu e Aya Sofia! Meraviglioso!

Nonostante la leggera pioggerellina decidiamo di raggiungere la Piccola Aya Sofia; ma è l’ora della preghiera ed è venerdì quindi non ci fanno entrare!
Allora ci spostiamo verso la Moschea Blu… ci togliamo le scarpe, mi copro il capo ed i miei occhi vengono riempiti di meraviglia. Mi sono persa ad ammirare i decori dei fiori blu sullo sfondo bianco, l’imponenza della cupola centrale, un vero capolavoro dell’architettura.

Giusto di fronte, quasi a rendere ancora più prezioso il luogo, si erge la dolce Aya Sofia. Una chiesa più antica addirittura della basilica di San Pietro a Roma. Quante ne deve aver viste e passate! Nasce come chiesa, viene trasformata in moschea e ora mostra le sue grazie come un grande museo!

Percorriamo il viale alberato e arriviamo all’entrata del Palazzo Topkapy. Ci affascinano i racconti sull’harem, le cene del sultano, le porcellane, la vita degli eunuchi a palazzo ecc…

All’interno del bazar egiziano (bazar delle spezie) ci perdiamo letteralmente tra i profumi di sapone alla frutta, gli incensi, le mille spezie colorate, gli irresistibili dolcetti. Gironzoliamo ovunque, ogni vicoletto è una sorpresa. Un pò di ciliegie, un po’ di caffè, qualche lampada colorata pronta ad essere fotografata, profumo di sesamo tostato, nocciole fragranti, olii per il corpo.

Seduti sulla terrazza dell’ostello ammiriamo l’altra sponda del Bosforo. I minareti illuminati, i gabbiani che fanno da guardia al faro, il profumo di narghilè nell’aria, i lampioni che piano piano si accendono illuminando questa città magica dal sapore di pistacchio e cannella.”

15 giugno Buyukada (TURCHIA)

[Stefy]: “Dopo un’ora e trenta di navigazione sul Bosforo raggiungiamo Buyukada (anche detta Isola della Principessa). Bellissima.
Facciamo una specie di trekking per raggiungere la cima e la chiesetta di San Giorgio. La vista a 360° ripaga della fatica della salita. Il view point è magico, romantico e diventerà per noi indimenticabile.”

Nel silenzio assoluto un “”.

Comincia una nuova vita.

16 giugno Istanbul (TURCHIA)

[Stefy]: “Ultimo giorno ad Istanbul. Alle 11.00 abbiamo cominciato a camminare senza meta per fermarci la sera. Adoriamo perderci, senza prefissarci tappe, seguiamo l’istinto, le persone, i profumi.
Raggiungiamo il quartiere di Fethye con le sue moschee, i suoi mercati caratteristici, i negozi di vestiti da sposa chic, kebab, macellerie, panetterie. Ci sediamo in un parchetto accanto al grande acquedotto romano e leggiamo la storia di questo grande Paese.

Camminiamo fino al Porto Eminou dove mangiamo un panino con pesce alla brace e cipolle; ci divertiamo a scattare foto dal ponte Galata. Profumo di mare.
Ritorniamo al bazar delle spezie per poi perderci nelle viuzze più solitarie. Pannocchie arrostite, castagne grandissime, angurie profumate; compriamo tanto the alla mela e dolcetti.

Al tramonto, seduti dinanzi alla Moschea Blu. Ci guardiamo intorno, gente di tutto il mondo l’ammira. Pensiamo a quanto bello sia il mondo e tutte le diversità che lo compongono.

Teşekkürler Türkiye

 
 
Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

(1) - (2) - (3)