19 novembre Victoria Falls (ZIMBABWE)

Dopo tre lunghi voli, finalmente atterriamo a Victoria Falls.

Il sole splende alto nel cielo, fa molto caldo ma, caricati gli zaini sui due nostri trucks, ci dirigiamo subito verso il Camp che ci ospiterà questa notte…

20 novembre Victoria Falls (ZIMBABWE)

[Stefy]: “Le Cascate Vittoria, nonostante il periodo di secca, non sono particolarmente asciutte, anzi… riusciamo a godere del primo spettacolo naturale di quest’avventura africana!”

21 novembre Kasane (BOTSWANA)

[Stefy]: “Il confine non è molto distante dalla piccola cittadina di Victoria Falls e già nel primo pomeriggio raggiungiamo le rive del fiume Chobe.

Entriamo in Bostwana percorrendo una lunga striscia di asfalto nero ai bordi della quale ogni tanto si incrociava qualche zebra o elefante… che strano leggere il cartello di pericolo: “divieto di inoltrarsi nel bush per presenza di animali feroci”.

Montiamo le tende e, a bordo di una vecchia barca, cominciamo la lenta navigazione sul fiume Chobe; scorgiamo: ippopotami, coccodrilli, elefanti, bufali, impala e tanti uccelli colorati.”

22 novembre Kasane (BOTSWANA)

Partiamo all’alba alla scoperta del Chobe National Park.

Fa parecchio freddo su questi fuoristrada aperti; come ogni game drive, ci immergiamo subito nella vita meravigliosa e selvaggia della savana. Il fiume Chobe scorre tranquillo fornendo ospitalità, rifugio e sussistenza ai numerosi branchi di animali.

Alcuni licaoni, in branco, si avvicinano minacciosi verso un gruppetto di brutti marabù, (non si può certo dire che sia un animale di bell’aspetto!), una dozzina di elefanti, in fila indiana, segue il capo famiglia che li richiama con un potente barrito; alcuni coccodrilli si crogiolano al sole lungo l’argine fluviale…

E’ tutto molto emozionante e naturale, ogni tanto sbuca una zebra, poi una giraffa, alcuni orici e gazzelle di Thomson, due springbok, una leonessa…

23 novembre Nata (BOTSWANA)

[Stefy]: “Dopo un’intera giornata di truck ci fermiamo a Nata e più precisamente, per la notte, ad Elephant Sands. C’è una grossa pozza d’acqua che attira tanti elefanti… al nostro arrivo ne vediamo un paio veramente vicinissimi… una ventina di minuti dopo giungono ad abbeverarsi una quindicina di esemplari maschi, (ci hanno spiegato che durante il giorno vanno i maschi e la sera le femmine con i piccoli).

La serata, infatti, è magica! Tre elefantini di pochi mesi  cercano la proboscide della mamma, la sua protezione, due grossi maschi si scontrano duramente e il rumore sordo delle loro zanne risuona alto nella notte.

 

Durante la notte ci assicuriamo di non tenere nessun cibo all’interno delle nostre tende perché da giorni un leone si aggira nel campo e spesso si avvicina un po’ troppo alle tende provocando non poco panico!”

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7