Una settimana in Sicilia

Non vi è mai capitato di rimanere piacevolmente sconvolti dalla bellezza di un luogo che, per non si sa  quale motivo non avevate mai visitato?

A volte organizziamo viaggi in capo al mondo e non conosciamo le meraviglie che distano ad un’ora di aereo dalle nostre città. Sto parlando di un piccolo angolo di paradiso chiamato Sicilia.

Un giorno riceviamo una notizia bellissima: due cari amici si sposano a Marsala...

Compriamo i biglietti aerei e iniziamo a vedere quali posti possiamo scoprire attorno a quella zona.

Atterriamo di sera su Palermo e subito un bell'abbraccio fraterno ci accoglie. Luca, lo sposo, ci porta immediatamente a riempirci lo stomaco... arancine al burro, mega gelatone e granita al limone... beh mettete pure in conto di tornare con almeno 2\3 kg in più sulla bilancia!

La giornata seguente facciamo un giro a Trapani, da lì prendiamo il traghetto che in un'ora  ci porta all' isola di Favignana, l'isola maggiore delle Egadi.

Mare cristallino, buon cibo e pace assoluta. E' stata definita dal pittore Salvatore Fiume, "la farfalla sul mare" data la sua conformazione geologica.

Lungo la strada per tornare a Palermo ci fermiamo un pò nella magica Erice, uno dei borghi più belli d'Italia.

La sua posizione, a 750 m sul mare, regala scenari davvero suggestivi. Passeggiando per il suo centro medioevale verrete attratti dalle sue Chiese, ve ne sono più di sessanta, come la cupola della Chiesa di S.Giovanni Battista che si staglia sullo scenario del monte Cofano... imperdibile.

Inutile parlarvi delle prelibatezze assaggiate... dovete provarle, non c’è altra soluzione.

Decidiamo di trascorrere un'intera giornata a Cefalù.

Prendiamo il treno da Palermo e in 50 minuti arriviamo a destinazione. ll tragitto è molto bello, da restare con il naso attaccato al finestrino tutto il tempo!

Ci dirigiamo subito alla spiaggia che, meravigliosamente spoglia di ombrelloni e sdraio, ci appare in tutto il suo splendore.

Dobbiamo dire che siamo stati in Sicilia in un periodo di bassa stagione quindi tutti gli stabilimenti erano chiusi, la grande folla ormai è tornata ai propri nidi. Noi preferiamo la pace alla frenesia ed al caos di un posto... e qui, ora, è davvero il massimo!

Dopo aver sguazzato come pesciolini nel suo mare turchese andiamo a mangiare qualcosa... ed ovviamente abbiamo solo l'imbarazzo della scelta!

Trascorriamo tutto il pomeriggio in questa splendida bomboniera marina.

La Rocca, il Lavatoio medioevale dove potrete dare una botta di vita alla vostra circolazione con la sua acqua gelida, il Duomo è assolutamente unico, una Cattedrale incastonata tra la Rocca di Diana ed un mare favoloso.

Dedichiamo due giornate piene alla scoperta della meravigliosa Palermo.

Abbiamo preso un B&B vicino al centro.

Passeggiare tra i suoi vialoni, essere risucchiati dai profumi provenienti da una botteguccia, rimanere a bocca aperta davanti alla maestosità del Duomo, confondersi tra le bancarelle del mercato di Ballarò mangiando fichi d'India appena sbucciati da un gentile signore che ti vede “forestiero”, essere trasportati dai colori delle spezie, della frutta e dalla straordinaria gentilezza dei suoi abitanti, stare con il naso all’insù in mezzo alla strada e girare su sè stessi per ammirare i 4 canti...

... provare tremila gusti diversi di granite e dire ogni volta "questa è la migliore", mangiare il panino con la milza al mercato della Vucciria, passeggiare per il porto, fare shopping nei negozi del centro, conoscere personaggi incredibili  e innamorarsi del loro mondo... consapevoli che questa città ci vedrà più e più volte!

 

Scusate ma scappiamo a Marsala per il matrimonio!

 

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page