Niue: l'isola sconosciuta...

Circa 800 anni dopo che i navigatori scoprirono la  Polinesia, l'isola di Niue, fu avvistata dal capitano Cook nel 1774.  L'accoglienza ostile ricevuta dagli indigeni portò alla ridenominazione immediata in Savage Island, un nome che fu usato per circa un secolo.

Niue, che significa colloquialmente "Ecco la noce di cocco" è ora un paese e consente di godere ai Niueans la cittadinanza della Nuova Zelanda.

L'isola si trova nel centro del triangolo composto da Tonga, Samoa e Isole Cook ed è una delle isole di corallo  più grandi al mondo. Pur condividendo lo stesso clima tropicale delle altre isole,  la sua geografia unica la rende molto diversa per l'immagine familiare che si ha delle frange di cocco sulle spiagge visto nei depliants turistici e cartoline.

Niue manca di scintillanti spiagge sabbiose ma ne guadagna in barriere coralline facilmente accessibili che sono disseminate di cristalli a ridosso di  numerose calette sabbiose appartate. Le scogliere che sorgono sotto le barriere coralline sono punteggiate da enormi grotte e voragini  e spesso  contengono grandi pozze d'acqua limpida popolate da una varietà di vita marina tropicale.

Ecco cosa Niue cosa ha da offrire al visitatore:

La  pesca e le immersioni sono di fama mondiale. Per quanto riguarda l’avvistamento di balene e delfini, negli ultimi due anni è diventata una sorta di lotteria, se si ha fortuna, si potrebbe anche nuotare con le balene (ciò che molte persone dicono sia un'esperienza spirituale).

Ci sono molti  accessi per lo snorkeling sulla barriera corallina sperimentando l'illimitato profondo del Pacifico in quello che molti dicono sia l'acqua più chiara nel mondo.

Se vuoi addentrarti nella foresta pluviale, ci sono molti ruscelli navigabili dove è possibile girovagare attraverso  una meravigliosaforesta incontaminata di felce.


Si può anche  organizzare l’escursione notturna per catturare il famoso Uga, il gigante granchio del cocco.

Se possedete un estro creativo, potrete andare al Hikulagi Sculpture Park nella foresta pluviale orientale e aggiungere un vostro tocco alla scultura monumentale assemblata lì.

Ci sono diversi ristoranti che offrono buffet di cucina locale cotta nel tradizionale forno a terra.

Si può avere la possibilità di banchettare con il gigante granchio del cocco, lumache di mare, piccione o pipistrello della frutta insieme con una serie di tuberi tradizionali e piante forestali.    

Ciò che rende Niue diversada tutte le altre isole è che tutte queste attività sono raggiungibili in 40 minuti in auto da qualsiasi punto dell'isola, quindi tutto è proprio a portata di mano.

Fatta eccezione per le flottiglie di passaggio di yacht durante i mesi invernali, l'unico modo per arrivare a Niue è sui voli Air New Zealand da Auckland, attualmente due volte a settimana.      

Niue non è per tutti.

Non è spiaggia e discoteca. Le rocce sono taglienti e  se non si sta attenti ci si può anche far pure male.

C'è così tanto da fare e da vedere all'interno delle cento miglia quadrate di Niue e del suo oceano circostante che è un peccato rimanere solo una settimana.

Buon divertimento.

 

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page