Assisi tra arte e religione

L’Umbria è una regione ricca di arte, cultura, storia, buona cucina e religione. Si passa dagli archi di ingresso e dalle cinte murarie delle città di epoca etrusca e poi romana, fino all’età medievale, con piazze ricche di edifici costruiti all’epoca delle Signorie e dei Comuni.

Le innumerevoli chiese impreziosiscono un territorio già di per sé molto pittoresco.

Partiamo da Santa Maria degli Angeli con la visita della Porziuncola, molto toccante, qui incontriamo molte suore missionarie con le quali trascorriamo ore a parlare delle loro esperienze.

Il termine “Porziuncola”, letteralmente vuol dire “piccola parte” ed indica l’esigua porzione di terreno dove è stata edificata. Qui San Francesco comprese chiaramente la sua vocazione, accolse  i suoi primi fratelli e diede a Santa Chiara l’abito religioso, dando origine all’ordine delle povere donne (clarisse).

Dalla Basilica incomincia la “strada mattonata”, tre km, fino ad Assisi. Questa camminata è di grande fascino non solo religioso perché collega i due più significativi luoghi francescani, ma anche naturalistico per i tanti scorci che essa offre. Ogni singolo mattoncino è stato donato da un fedele e riporta il proprio nome e città di provenienza, ed è stata realizzata dopo il terremoto del 1997.

L’UNESCO ha dichiarato l’intera città di Assisi e gli annessi luoghi francescani: “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”.

Assisi, luogo spirituale, città simbolo della Pace, è una deliziosa cittadina medievale dove spicca la meravigliosa Basilica di San Francesco. Essa guarda dall’alto un borgo medievale fatto di stradine e vicoli sempre in salita; l’atmosfera di serenità e di preghiera che caratterizza tutto il centro sembra quasi un omaggio dovuto al Santo Patrono d’Italia.

Quando si varca la soglia della Basilica pare di entrare in una volta Celeste grazie agli affreschi di Giotto e del Martini.

Salendo la collina si raggiunge la Chiesa di Santa Chiara.

Queste due figure fanno di Assisi il principale centro religioso della regione, meta prediletta da molti pellegrini; la città moderna è sorta senza “intaccare” la struttura della città vecchia, una serie di stradine strette collega le varie piazze disposte su livelli differenti e custodi di tutta la storia della città.

Noi ci fermiamo presso il “Dal Moro Gallery Hotel”, uno degli alberghi più belli della zona, a soli 50 metri dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli.

Un hotel di design, raffinato, moderno ed elegante, gestito con grande professionalità ed umiltà, dote rara oggigiorno.
La gentile Alessandra ci dà il benvenuto raccontandoci la storia di questa struttura che, dal 1890, accoglie turisti da tutto il mondo. Fondato dai suoi avi, si rinnova costantemente curando ogni singolo particolare con gusto e praticità, anche grazie all’arte dei tanti architetti che qui hanno lavorato.

Stanze molto funzionali e dotate di ogni comfort, doccia che, con la cromoterapia, ti aiuta a rilassarti ancor di più, dopo aver “peregrinato” in lungo ed in largo per queste città sacre!

Al mattino, grazie alla passione ed alle idee innovative di Roberto, la colazione diventa un vero e proprio rito!

Croissants ripieni fino alle punte,  dolci home made di alta qualità, un intero reparto bio con semi, bacche e frutta secca. Tutta l’area del salato meriterebbe una decantazione a sé: salumi, formaggi umbri, tortine con patè di carote e patate, gustose sfoglie ripiene contribuiscono a rendere questa colazione ricca ed invitante!

Cibo, cielo, sacro, profano, cultura, tradizione: l’Umbria è proprio il cuore pulsante dell’Italia!


Blog countersfree countersLocations of visitors to this page