Singapore. Viaggio nel viaggio

Due anni fa abbiamo deciso di fare un giro del Sud Est Asiatico per circa 6 mesi.
Siamo partiti dal Nepal e arrivati nelle Filippine. Una tappa intermedia divertente del nostro viaggio è stata sicuramente Singapore.
Questo piccolo stato insulare è costituito da 63 isole ed è uno degli stati più densamente popolati del  mondo.

Chiamata anche città dei divieti... a Singapore difatti tante cose sono proibite, vediamole insieme:
- masticare le chewing-gum,
- gettare carte a terra,
- fumare per strada,
- il possesso di 20 gr di qualsiasi droga è punibile con la pena capitale,
- urinare negli ascensori (ci mancherebbe!),
- portare frutti male doranti nelle stanze (tipo il durien),
- lasciare i bambini soli negli ascensori,
- sputare a terra (anche se questa è riferita alla popolazione indiana che mastica il betel, un composto di calce, tabacco, noce avvolto in foglie),
- raccogliere fiori, dar da mangiare agli animali per strada... ma quella più assurda, corrispondente a 150 dollari di multa è di tirare lo sciacquone!
Insomma come potete vedere Singapore non è un luogo qualunque!

 

Singapore è un viaggio in un viaggio... mi spiego meglio! Prenota un albergo a Singapore e lanciati in strada alla scoperta di questa piccola città-stato. Mentre camminerete per una delle sue vie principali: Orchard Road i vostri occhi rimbalzeranno da un centro commerciale ad un altro, da firme di lusso a negozi di nuova tendenza, ma poco più in là sarete rapiti da profumi intensi fatti di curry, chai speziati, fiori di gelsomino per adornare i capelli, sari che meravigliosamente ondeggiano per le strade... insomma vi troverete in India. Non perdetevi lo Sri Mariamman Temple che si trova nel cuore di Chinatown a due passi dal tempio buddista della reliquia del dente di Buddha... sì perché a due passi sarete anche in Cina tra le tipiche bancarelle dove potrete trovare di tutto. Stanchi di involtini primavera? Non c'è problema, in meno di 15 minuti si vola dall'altra parte del mondo... quello arabo. Arab Street, attorno alla Moschea del Sultano si snodano le viuzze di questo quartiere dal sapore di tè alla menta, veli colorati e tajine.
Trovo che Singapore abbia molto da offrire. E’ una di quelle città che visiteremo più di una volta nella vita di sicuro.

 

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page