Parigi. Nell'antica bohemienne tra artisti di ogni tempo

Montmartre è per me il quartiere più bello di Parigi... per arrivare in cima alla collinetta
c'è una scalinata oppure si può prendere la funivia (vale lo stesso biglietto dei trasporti della città), e dall'alto la vista vi ricompenserà!

Tutti conosciamo l'arredamento francese, provenzale e raffinato... e, credetemi, vale davvero la pena affittare un appartamento qui a Parigi, svegliarsi la mattina, raggiungere la prima pasticceria, comprare dei croassant freschi e mangiarli sul balconcino affacciati su qualche viuzza già in
piena attività... beh se avete intenzione di seguire il nostro consiglio andateci e divertitevi!

Circa l’origine del nome si fanno due ipotesi: potrebbe derivare o da Mons Martis, tempio romano dedicato a Marte o da Mons Martyrum ossia la Collina dei Martiri, dato che qui, secondo una leggenda, sarebbe stato decapitato Saint Denis, primo vescovo  e santo patrono di Parigi.

Dopo la Tour Eiffel è il luogo più alto della città.
Il colore bianco è dovuto alla pietra calcarea di Chateau-Landon che ha la caratteristica di non trattenere la polvere e lo smog. Così, dopo ogni pioggia, il Sacré-Coeur è ancora più splendente.

Montmartre è una città nella città, un cuore bohémien che batte ancora come nella Parigi del 1800, quando era il quartiere maledetto, quello degli artisti in cerca di ispirazione e dei borghesi annoiati in cerca di emozioni forti: le prostitute, l'oppio, il vino, il Moulin Rouge, il Cancan e il cabaret.
La famosa Butte (collina) di Montmartre, dove hanno vissuto grandi artisti come Delacroix, Picasso, Modigliani e Van Gogh, è oggi intasata di turisti a tutte le ore.
Seguendo una stradina a destra della basilica, si raggiunge in breve tempo Place du Tertre, il cuore di Montmartre: la piazzetta è molto caratteristica, con ristorantini, negozietti e un sacco di artisti di strada che vi chiederanno di fare i vostri ritratti/caricature... vale la pena un giro in questo quartiere, e se i vostri programmi sono abbastanza tirati: mettetelo verso sera (la chiesa è aperta fino a tardi), illuminato è ancor  più suggestivo!

A pochi passi a ovest di Place du Tertre potrete visitare l' Espace Dalí  ovvero l’unica mostra
permanente in Francia interamente dedicata al Maestro del Surrealismo Salvador Dalí con circa
330  sculture tridimensionali (fra cui il famoso divano a forma di labbra) che mettono in luce un aspetto quasi sconosciuto del Maestro Catalano.

Ogni volta che passiamo da Parigi non possiamo non venire fin qua sù per respirare un pò di arte gustando una baguette e una bella crepes!

Stefy

 

Blog countersfree countersLocations of visitors to this page