Backpack, mio fedele e inseparabile compagno di avventura, mia dimora itinerante, come il “guscio’” di una lumaca o di una tartaruga, contenente poche cose necessarie che mi consentiranno con facilità di spostarmi e di trovarmi a mio agio in ogni situazione.
Concentrato ed essenziale. Ci si deve spogliare della maggior parte degli oggetti di uso quotidiano e aprirsi in tutti i sensi all'attraversamento di nuovi spazi: io avrò un solo zaino, avrò LO ZAINO.

Nello zaino bisogna mettere il minimo indispensabile, anche perché quando si fanno gli spostamenti  bisogna avere il meno peso possibile sulle spalle. La parte inferiore dello zaino deve essere quella che farà da base (solitamente occupata dal sacco a pelo), quella centrale deve avere gli oggetti più pesanti mentre quella alta deve contenere gli oggetti più piccoli, meno pesanti e di uso più frequente.

1 - Cintura in vita


 2 - Spallacci


 3 - Fettuccia stabilizzante


 4 - Cinturino Sternale


 5 - Stabilizzatori

 

Il contenuto dipende sempre dal viaggio che ci si appresta a fare. Se si va in un paese caldo è meglio portare poca roba da vestire, perchè si potrà fare il bucato spesso, mentre se ci si reca in un paese freddo è indispensabile avere più cambi ma che siano poco voluminosi, soprattutto vestiti che si possono mettere contemporaneamente: in questo modo con pochi indumenti (e poco peso) ci si può vestire a strati e proteggersi in caso di freddo.


Consiglio sempre la fotocopia dei biglietti aerei e del passaporto, non si sa mai....!
Non dimenticarsi un lucchetto con le doppie chiavi,  in alcuni ostelli è meglio utilizzare il proprio.
Il modo migliore di portare i soldi é quello di usare uno di quei marsupi da tenere nascosti sotto i vestiti. Permettono di accorgervi immediatamente se qualcuno sta cercando di derubarvi. É sempre bene non tenere tutto il denaro in un unico posto, perché in caso di furto vi trovate squattrinati. Nascondeteli dove nessuno li possa trovare (in alcuni posti mi è capitato pure di nasconderli nelle scarpe!). Consiglio Traveller's cheque, che possono essere riconsegnati in caso di furto o smarrimento, per la maggior parte; generalmente mi porto un trenta percento del budget in contanti nell'eventualità di trovarmi in posti dove le banche non mi cambiano i Traveller's e una buona parte in taglie piccole per evitare di tentare eventuali malintenzionati.


Ecco una lista di cose più o meno importanti che potresti dimenticare...

 

Documenti e soldi
-Carta di identità/Passaporto
-Contanti
-Carta di credito
-Certificati di vaccinazione
-Polizze di assicurazione
-Fotocopie dei documenti
-Patente
-Biglietti
-Voucher alberghi



Vestiario
-3 t-shirts
-1 pile
-1 giubbotto
-1 paio di scarpe
-1 paio di infradito
-2 paia di pantaloni
-1 costume da bagno
-1 cappello
-Biancheria intima
-K-way

Igiene
-Spazzolino da denti e dentifricio
-Doccia/shampoo
-Salviette imbevute
-Asciugamano
-Preservativi
-Crema solare
-Pettine
-Repellente per insetti
-Deodorante
-Tagliaunghie
-Schiuma da barba e rasoio


 

Medicinali  
-Antibiotici
-Antidiarroici (imodium)
-Antidolorifici (moment, novalgina)
-Antipiretico (aspirina, tachipirina)
-Antinausea da viaggio (travelgum, xamamina)
-Antinfiammatori
-Antistaminico in pomata (fargan)
-Cerotti/bende
-Disinfettante
-Cotone idrofilo
-Termometro

(delle varie medicine scelgo forme farmaceutiche compatte e leggere, generalmente pillole, e lascio a casa le scatole)


 

Equipaggiamento
-Sacco a pelo
-Materassino isolante
-Coltellino multiuso
-Orologio/sveglia
-Lucchetti
-Specchio
-Tenda
-Torcia e batterie
-Kit posate
-Borraccia (anche se io preferisco una bottiglia di plastica,di sicuro più leggera)
-Carta igienica (non in tutto il mondo ne fanno uso)
-Telefono cellulare e caricabatteria (giusto per le emergenze)
-Penna e diario di viaggio
-Occhiali da sole


Libri e materiale fotografico
-Guide
-Cartine geografiche e mappe
-Macchina fotografica e schede
-Videocamera
-Batterie e caricabatteria

 

 

"Ci sono due grandi razze di fotografi, quelli che fabbricano
immagini e quelli che le colgono. I primi hanno il loro studio....
Per i secondi, il loro studio è il mondo."

- Ernest Haas -


Blog countersfree countersLocations of visitors to this page